Come acquistare online in sicurezza

Prima di fare acquisti in questo grande universo che è Internet, è bene conoscere alcune regole di buon comportamento per muoversi in sicurezza cercando di evitare il rischio di incorrere in spiacevoli fregature, anche perché si sa, la truffa è sempre dietro l’angolo. Se leggete attentamente la guida illustrata qui di seguito acquisirete tutte le conoscenze necessarie per difendervi dai “criminali informatici” e riuscirete a i vostri acquisti nella massima sicurezza.

Regola n.1 – Verifica l’attendibilità del sito e-commerce.

Può sembrare banale ma la prima cosa da fare è cercare di mettere in pratica tutti i mezzi possibili per verificare se un sito e-commerce sia affidabile o meno. Ma come fare? Innanzitutto un sito noto, che magari viene pubblicizzato tramite i media più importanti come TV, Giornali, ecc…, può ritenersi un po’ più sicuro di un sito sconosciuto, difficile da trovare e che non ha feedback da alcuna parte. Ma naturalmente questo non basta come garanzia di affidabilità: esistono infatti siti creati ad hoc per verificare la sicurezza, come ad esempio Site Advisor. D’altronde Il mondo del web oggi è così ricco di informazioni che è quasi sempre possibile reperire informazioni semplicemente cercando le opinioni degli acquirenti su Google o sui vari social network come Facebook o Twitter.

Un elemento prettamente tecnico consiste nel controllare che nell’indirizzo del sito web sia visibile il protocollo HTTPS (HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer): se questo è presente siamo in presenza di una connessione sicura.

Altri segnali di sicurezza li possiamo trovare nell’anagrafica, ovvero se è presente un numero di telefono, indirizzi e-mail e indirizzi fisici a cui fare riferimento, ma controllare anche Partita Iva e Sede Legale.

Regola n.2– Verifica l’attendibilità del venditore.

Controlla se nel sito è presente un sistema di feedback e leggi qualche opinione focalizzandoti soprattutto su quelle più negative che spesso possono essere le più veritiere a differenza di quelle molto positive che spesso possono essere create ad hoc per indurre l’acquirente a fidarsi ciecamente. Attenzione, ciò non vuole dire che i feedback positivi debbano essere obbligatoriamente falsi, ma possono essere davvero indice di buona qualità del venditore. Un segreto per capire se i feedback positivi sono reali è quello di leggere le recensioni e controllare la forma in cui sono scritte: talvolta la presenza di errori di ortografia e grammatica nel feedback può far dedurre che esso sia vero e scritto da una persona reale a differenza di feedback scritti perfettamente e con frasi un po’ troppo standardizzate che possono essere scritte ad hoc dagli stessi venditori.

La stessa analisi la si può fare se il sito e-commerce è presente come venditore sulle piattaforme più famose come Amazon ed eBay oppure se ha una pagina Facebook Ufficiale corredata da un sistema di recensioni e assistenza online.

Regola n.3 – Assicurati che il tuo dispositivo sia “pulito” e non utilizzare quelli di amici e parenti.

Tieni sempre il tuo dispositivo al sicuro cercando di evitare la presenza di virus e malware che possono carpire i tuoi dati soprattutto se usi carte di credito. Usa quindi un buon Antivirus e fai delle scansioni periodiche assicurandoti che il tuo PC o Smartphone risulti libero da qualsiasi problema.

Allo stesso tempo non utilizzare dispositivi di amici o parenti dei quali non conosci lo stato di affidabilità e sicurezza, anche perché i tuoi dati personali e quelli di pagamento potrebbero rimanere memorizzati e indurre qualche malintenzionato ad approfittarne.

Evita, infine, di effettuare acquisti quando sei collegato a Reti Wi-Fi pubbliche che sono facilmente vulnerabili e soggette ad attacchi Hacker.

Regola n.4 – Attento ai tentativi di frode e pishing.

Tranquillo non è una brutta parola ma se non stai attento qualcuna potrebbe scapparti qualora dovessi subire una truffa o un furto di dati personali. Sì, perché anche se Internet oggi ci abbia veramente aperto un mondo e abbia permesso di avere a portata di mano qualsiasi cosa cerchiamo, allo stesso tempo ha innalzato il rischio di incappare in tentativi di truffa o di furti di dati personali e soprattutto finanziari (pishing). Ricordati che, di norma, gli istituti di credito e men che meno i siti di e-commerce non hanno bisogno di verificare i tuoi dati personali e finanziari e, quindi, se dovessi ricevere una mail del genere cestinala subito e non cliccare su nessun link presente all’interno della stessa.

Regola n.5 – Utilizza metodi di pagamento sicuri.

Ricorda bene che più sono i metodi di pagamento messi a disposizione dal venditore e maggiore sarà la sua affidabilità: un venditore che accetta solo pagamenti tramite ricariche a carte prepagate tipo Postepay, per le quali non c’è una effettiva tracciabilità del pagamento, sarà certamente molto meno sicuro rispetto ad uno che ti permette di pagare tramite PayPal, Bonifico e carta di credito.

PayPal

Nato inizialmente come sistema di pagamento per il sito eBay.it si è col tempo esteso a tutti i siti di e-commerce. La sola presenza di questo metodo di pagamento è in linea di massima una garanzia di affidabilità del 100% poiché questo sistema garantisce una protezione del cliente totale in caso di merce danneggiata, non inviata o non conforme alla descrizione. Esistono naturalmente delle regole precise che stabiliscono quando l’acquirente viene coperto da questa forma di protezione ma il più delle volte la sicurezza è massima.

A fronte di qualche piccola commissione richiesta è il metodo preferibile per gli acquisti online e, come si dice, la spesa vale la resa, anche perché è semplice e immediato e ha un’assistenza ai clienti davvero efficiente.

Carta di Credito

Anche questo è un metodo semplice e veloce ed ha dei vantaggi sia per l’acquirente che per il venditore: infatti mentre l’accredito a quest’ultimo avviene istantaneamente chi acquista avrà una dilazione di tempo prima che gli venga addebitato l’importo, cosa che può tornare molto utile quando non si ha una disponibilità liquida immediata e si deve fare un acquisto urgente. Ma fai attenzione a non cadere in questo “contorto gioco” perché, se non hai la certezza di coprire il debito, potresti incorrere in spiacevoli sanzioni da parte della tua banca a causa della scopertura del tuo conto corrente, quindi non approfittarne troppo.

Il metodo è totalmente tracciabile quindi, in caso di truffa, è possibile dimostrare l’avvenuto pagamento nei confronti del venditore che sarà più facilmente identificabile dalle forze dell’ordine. Inoltre i tempi di rimborso in caso di recesso non sono molto lunghi e per questo è uno dei metodi più utilizzati.

N.B. Sebbene oggi le banche e gli istituti finanziari che erogano carte di credito abbiano messo a disposizione dei propri clienti sistemi di protezione molto efficaci contro i tentativi di truffa e di clonazione delle carte di credito, i malintenzionati non si fanno intimorire e anche loro trovano nuovi sistemi per aggirarli e agire indisturbati. Perciò fai dei controlli periodici delle tue spese con questo sistema di pagamento verificando l’estratto conto mensile e controllando i movimenti anche settimanalmente. Se dovessi notare qualche anomalia segnalalo alla tua banca nonché alle autorità competenti.

Bonifico

Il bonifico è un altro sistema di pagamento molto utilizzato e anche questo è tracciabile. La sua sicurezza è legata al fatto che il pagamento viene fatto su un IBAN che è legato ad una persona fisica o giuridica e questo potrebbe garantire l’identità del venditore, anche se ultimamente i furbetti, approfittando della possibilità di ricevere bonifici su carte prepagate dotate di IBAN, riescono a fregare i malcapitati che possono cadere nel tranello, quindi, se non hai modo di verificare l’attendibilità del venditore, non fidarti al 100% di utilizzare questo metodo, anche perché ha lo svantaggio di essere un po’ lento in quanto, seppure l’addebito avvenga subito sul tuo conto, l’accredito per il venditore richiede qualche giorno e questo rallenta parecchio i tempi di spedizione della merce e della consegna.

Contrassegno

A differenza di come spesso si crede questo non è un metodo di pagamento molto sicuro: l’equivoco nasce dal fatto che il cliente che sceglie di pagare in contrassegno ha la sensazione illusoria che, pagando la merce solo al momento della consegna, questo basti ad evitare la truffa dato che finché non si ha il pacco in mano non si caccia fuori 1 €. Tuttavia questo non garantisce che il contenuto del pacco sia quello desiderato e non si nasconda effettivamente una fregatura: infatti nessun acquirente può verificare il contenuto del pacco prima di pagare il corriere che effettua la consegna e questo equivale a pagare senza alcuna protezione, anche perché non ci si rivalere contro quest’ultimo e sarà difficile dimostrare in sede giudiziaria l’avvenuta truffa. Inoltre il pagamento in contrassegno spesso ha dei costi aggiuntivi talvolta anche significativi a tutela del venditore che pagherà il servizio e riceverà il denaro con una dilazione temporale.

Questo non significa che la truffa sia certa se si sceglie questo metodo di pagamento, anche perché è comunque molto diffuso, e se il cliente preferisce può utilizzarlo se ha già avuto modo di verificare l’affidabilità del venditore.

Se segui i consigli presenti in questa guida hai delle ottime probabilità di fare acquisti sicuri online ma ricorda sempre di non abbassare mai la guardia e di aggiornarti sulle nuove tecniche di truffa presenti sul mercato per stare sempre al sicuro e fare i tuoi acquisti in serenità.

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto per il confronto.